sabato 30 marzo 2019

Leoluca Orlando rottama i cani di Palermo

Pare proprio che per Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, il benessere dei randagi della sua città sia questione irrilevante, tanto da ignorare le vive proteste di associazioni e cittadini, indignati dall'opera di dismissione di animali messa in atto dall'Amministrazione. Tanto da non rispondere alle domande che gli abbiamo rivolto riguardo la preoccupazione per tutti i cani partiti o in partenza verso due strutture private di Caserta.
Dog's Town di Giovanni Ferrara, veterinario rappresentante sul territorio del Movimento Animalista (sul cui sito è indicato pure come referente scientifico nazionale per l'ENPA)  e Pets Boarding House, unite da un'Ati (associazione temporanea d'impresa). A queste due società il Comune di Palermo ha assegnato in blocco, come fosse uno stock di merce da smaltire, i suoi randagi, attraverso un appalto da 435mila euro circa, iva compresa, corrispondenti a una diaria da 3,50 euro a cane.
Moltiplicando quest'ultima somma per i giorni (182) della durata del bando, ne scaturisce un totale di cani di poco superiore ai 600 che, si stima, sono attualmente detenuti nel degradato canile municipale del capoluogo siciliano. Con una clausola: al termine dei sei mesi previsti dal bando, nel caso in cui non vengano adottati, la metà dei randagi sarebbe rispedita al mittente e casa e il resto diventerebbe proprietà delle ditte.
"La vergognosa operazione consentirebbe una sorta di rottamazione completa delle sventurate creature di cui il Sindaco di Palermo è per legge diretto responsabile. Proprio lui, che della legalità si è sempre fatto portabandiera, sembra non domandarsi perché questi cani dovrebbero incontrare maggior fortuna in un'altra regione con gravi problemi di randagismo, né porsi il problema del loro benessere e della loro tracciabilità futura" dice Piera Rosati, presidente LNDC-Animal Protection.
Mentre Gianluca Felicetti, presidente della LAV, scrive in una lettera aperta a Orlando: "Per oltre un anno e mezzo abbiamo faticosamente lavorato a ricucire i rapporti fra l’Amministrazione comunale e il volontariato, che fra 2017 e 2018 ha fatto adottare con le associazioni oltre 640 cani, e a reimpostare con gli Uffici un non facile ma fondamentale lavoro per le sterilizzazioni". Nella missiva, oltre a ricordare impegno e promesse disattese, si invita il Sindaco a impedire la partenza anche di un solo cane, per evitare che la preziosa collaborazione con la LAV venga a cadere.

"Invece, già cinque molossoidi sono partiti, possiamo quasi considerarli venduti al ribasso" commenta Emanuela Bignami, responsabile Randagismo per Animalisti Italiani Onlus. "Il benessere animale dov'è? Otto ore di viaggio per strappare i cani al legame con i volontari che li accudivano e deportarli in Campania, dove non si vede perché dovrebbero trovare casa più facilmente che non in Sicilia. Perché mai, con quei 380mila euro al netto dell'iva, non si è piuttosto pensato di iniziare a ristrutturare il canile municipale di Palermo, dove comunque continueranno ad affluire randagi?"


Anche Assocanili, associazione di cui la Dog's Town di Ferrara fa parte, ha assunto una posizione molto netta: "Pur non entrando nel merito della legittimità del caso, come associazione siamo fortemente contrari allo spostamento dei cani dai rispettivi territori di provenienza" commenta il presidente Michele Visone "e abbiamo formalmente invitato il dottor Ferrara a rinunciare a questo appalto".
Conclude Michele Pezone, responsabile dei Diritti Animali e coordinatore dell'ufficio legale di LNDC-Animal Protection: "Stiamo valutando i termini di un'azione legale, data l'incongruità di un bando per gestione e adozione insieme. L'adozione di un cane non dovrebbe essere oggetto di bando in quanto correlata all'ingresso di un animale nel nucleo familiare. Questo bando obbliga il gestore, ovvero chi è deputato alla custodia dei cani in attesa di adozione, ad adottarne direttamente e in blocco, dopo sei mesi, almeno la metà, esulando da ogni procedura pre e post adozione ed esulando da qualsiasi schema di legalità."

lunedì 10 dicembre 2018

Sicilia: "Folli linee guida contro il randagismo"

A quanto pare la Sicilia intende rimanere una fabbrica di cani e gatti vaganti e lo vuole istituzionalmente, avendo perseguito l'obiettivo con la redazione di nuove Linee guida per il contrasto e la prevenzione nei riguardi del fenomeno del randagismo dai contenuti strabilianti.
Subito contestate da LNDC-Animal Protection che pure aveva partecipato mettendo a disposizione tutta la propria esperienza, attraverso la rappresentanza legale di Catania costituita dagli avvocati Tania Cipolla e Irene Rizza (in collaborazione con la Confederazione Associazioni Animaliste Sicilia tra cui L'Altra Zampa), all'iter di elaborazione del documento.
"Ma i nostri suggerimenti sono stati disattesi, per lasciare spazio a un documento privo di qualunque buon senso" spiega Piera Rosati, presidente LNDC. "Nel testo si arriva ad affermare che le sterilizzazioni di massa possono risultare controproducenti anziché centrali per arginare il fenomeno del randagismo! A tal proposito si fa riferimento a fantomatiche 'recenti acquisizioni scientifiche' senza però entrare nel dettaglio per supportare una simile tesi. Fermo restando, in ogni caso, che vere e proprie campagne di sterilizzazioni di massa in Sicilia non ci sono mai state, e il risultato è evidente.”
Ma non è tutto. Anziché incoraggiare il censimento della popolazione canina, queste bizzarre Linee guida siciliane subordinerebbero a una sanzione l'applicazione del microchip ad animali di età superiore a sessanta giorni, scoraggiando così chi non è ancora in regola a compiere il proprio dovere. Al contempo, si pongono severi e ingiustificati limiti all'opera di volontariato animalista nei canili esistenti, e si vieta alle associazioni di progettare nuovi rifugi. Perché?
Commenta Piera Rosati: “La Sicilia rischia di fare un passo indietro di decenni nella lotta al randagismo che, è bene ricordarlo, nella Regione rappresenta da sempre un’emergenza infinita. Si pensa a utilizzare dei droni per monitorare gli animali anziché puntare tutto sulla sterilizzazione dei randagi e sull’incentivazione della sterilizzazione dei cani di proprietà che potrebbe realmente porre un freno alla proliferazione di animali liberi sul territorio, insieme alla microchippatura a tappeto di tutti i cani. Manca inoltre qualsiasi riferimento a campagne di sensibilizzazione e informazione sulla corretta gestione degli animali e sulle leggi a loro tutela, che sono assolutamente fondamentali in un contesto come quello siciliano.”
Mentre l'avvocato Michele Pezone, responsabile Diritti Animali LNDC, ha inviato una dettagliata lettera a Nello Musumeci, presidente della Regione Sicilia, e all’assessore alla Sanità regionale Ruggero Razza, esponendo le gravi criticità delle Linee guida di cui è stato messo a conoscenza anche il Ministero della Salute.
Margherita d'Amico - Il richiamo della Foresta - repubblica.it

venerdì 2 novembre 2018

Un film per insegnare ai bambini che il cane è un "Angelo" da amare (articolo tratto da ilgiornale.it)

Angelo aveva quattro zampe e un coda. Ora ha un'aureola. E un film, dedicato a lui e a tutti i suoi simili torturati dalla crudeltà umana.
Angelo è morto nel 2016 per le barbarie subite da un gruppo di quattro ragazzi, poi condannati alla pena più grave. Peccato che sia stata irrisoria. Un anno e quattro mesi con la condizionale trasformati in altrettante settimane come volontari in un canile. In buona sostanza come mettere un pedofilo tra gli educatori di un asilo. Morale, la prima a cambiare deve essere la giustizia.
Angelo, life of a street dog è un cortometraggio in sua memoria, firmato d Andrea Dalfino e prodotto dalla Lega nazionale per la difesa del cane, presieduta da Piera Rosati. Verrà proposto alle scuole nella sua funzione didattica ed educativa per evitare che nascano altri criminali, capaci di far del male ai tanti Angelo in giro per le strade del mondo. Il progetto di proiettarlo prima delle visioni cinematografiche è ancora un percorso difficile, ma non è detto che la sensibilità dei buoni dia l'esempio all'amoralità del commercio.
Eppure una notizia buona esiste. Il protagonista del film è uscito dal canile per arrivare sul set. Lapo, pochi anni e un mantello bianco come «sant'Angelo», non ha avuto bisogno di maestri e ha fatto il cane di strada. Cioè è tornato se stesso. Forse ha anche temuto che dopo quelle scorrazzate libere, la celebrità di trovarsi al centro della scena, coccole e attenzioni, il suo destino fosse quello di tornare dietro le sbarre. Invece così non è stato. Al termine delle riprese in canile è riapparso, ma solo per dire a suon di bau, che il regista l'aveva adottato. E ieri lo ha atteso una passerella e uno scroscio di applausi dalla platea milanese della Mondadori di piazza Duomo dove il film è stato presentato. Pettorina all'ultima moda, ha sorriso a modo suo e poi via verso la meritata ciotola di pappa.
Il cortometraggio, che poi tanto corto non è e si porta via una mezz'oretta scarsa, è stato mostrato nella città dei cani, Milano, dove non si registrano maltrattamenti né randagismo. Anzi, si eccede in senso opposto e l'etologo Roberto Marchesini non ha evitato di tirare le orecchie a chi umanizza Fido. «Bisogna accettare la loro diversità anche quando annusano qualcosa di sconveniente. Sono cani. Non sono nati per stare sul divano ma per uscire e divertirsi con i loro compagni. Non hanno paura a sporcarsi i piedini se piove». E ieri diluviava. In platea però qualche meticcio si è guardato il film senza fiatare. Ma, vivaddio, consoliamoci almeno con questa dannata metropoli che i cagnolini non li maltratta. Li ama forse più del dovuto. Meglio qualche peccatuccio che... Angelo.
Stefano Giani 30/10/2018 - ilgiornale.it

venerdì 26 ottobre 2018

Giustizia per Raol

Se già il doppio appuntamento estivo del Palio di Siena è più che sufficiente a riscaldare gli animi grazie alla morte, nel corso degli anni, di diverse decine di cavalli, l'orribile incidente occorso nella superflua edizione straordinaria dell'evento ha reso questa tradizione (o comunque il caparbio modo in cui viene gestita) definitivamente odiosa a molta opinione pubblica.
Dopo il decesso di Raol, il cavallo costretto a correre lo scorso 20 ottobre per la contrada della Giraffa lungo le pericolosissime curve del famoso tracciato, le associazioni hanno deciso di non limitarsi alle dichiarazioni. Animalisti Italiani, LNDC-Animal Protection, OIPA e Progetto Islander annunciano un esposto.
Dice l'avvocato Michele Pezone, responsabile Diritti Animali LNDC: "Solleciteremo la Procura competente affinché ponga in atto ogni misura per accertare se vi siano possibili responsabilità da punire a norma di legge".